Quale linguaggio usare nel blog

Come e perché parlare (efficacemente) con i tuoi lettori/clienti

Condivisioni

La prima volta che il suo tenero musetto si è scavato una breccia nel mio cuore, era lì in basso, tra i miei piedi, e mi fissava col naso all’insù. Io guardavo quel piccolo batuffolo di pelo che tanto mi impauriva e proprio non sapevo da che parte cominciare. Come accettare un pastore tedesco a casa mia, io che tanto avevo paura dei cani? Come farmi accettare e capire da lei? Quale linguaggio comune avremmo potuto parlare?

E come spesso accade nella vita reale, sono bastate una testolina che cercava la mia mano, una carezza ed uno sguardo negli occhi per trasformare quell’indescrivibile timore in un immenso amore. Lei, Grace, un animale, io, Ludovica, un essere umano, eppure capaci di parlare il medesimo linguaggio.

Ed eccoci giunti al punto. Una domanda è ora necessaria. Tu, sì proprio tu, stai parlando il medesimo linguaggio del tuo lettore/cliente? Rispondi solo dopo averci attentamente pensato perché la questione è di quelle importanti. Se qualche dubbio ce l’hai, evidentemente devi rivedere la tua strategia di blogging o di webwriting, perciò leggi cos’ho da dirti.

Cosa vuol dire parlare il medesimo linguaggio del tuo lettore?

Significa stabilire con lui un canale di comunicazione privilegiato, che ti faccia arrivare dritto alla sua mente e al suo cuore, catturandone l’attenzione, coinvolgendolo in prima persona in quel che hai da dirgli, offrendogli un’esperienza totalizzante, che lo faccia sentire protagonista della tua comunicazione.

E’ solo entrando in sintonia con lui, comprendendo quel di cui ha bisogno e in che modo esprime tale necessità, che potrai farti prima capire, poi apprezzare e dopo amare dal tuo lettore e/o dal tuo cliente.

Come parlare sul Web con i tuoi lettori/clienti

Vuoi che la tua comunicazione sul Web sia realmente efficace? Bene, allora devi aver consapevolezza delle sue peculiarità, che ti ho descritto nel post I 10 mantra della comunicazione nel Web [+ Infografica], e sfruttarle a tuo vantaggio.

E devi parlare lo stesso linguaggio del tuo interlocutore.

Pensa ad un insegnante di lingua inglese di fronte ad una classe di giovanissimi alunni (italiani, certo) dall’attenzione labile e dalla fuga facile. Bene, l’unico modo per riuscire a comunicare con loro e a trasmettere il suo messaggio e il suo contenuto di valore è adattarsi alle loro esigenze, ai loro gusti e al linguaggio che parlano. Ecco, tu, alle prese con i tuoi lettori o i tuoi clienti nell’eclettico mondo del Web, sei proprio come quest’insegnante. Devi comprendere e adeguarti.

Cosa puoi fare, allora, per parlare il loro stesso linguaggio? Ecco a te i miei suggerimenti:

#1. Scegli un lettore e rivolgiti a lui

Ok, i tuoi lettori sono tanti, è vero (a meno che qualcosa non va). Ma tu devi rivolgerti ad ognuno di loro. Ad uno per uno. Tu, persona, con le tue emozioni, i tuoi pensieri, il tuo sapere, le tue esperienze, ti rivolgi ad un’altra persona, con le sue emozioni, i suoi pensieri, il suo sapere, le sue esperienze.

Crea un filo diretto con i tuoi lettori/clienti, crea un ponte e, passo dopo passo, avvicinati a loro. Ad ognuno di loro.

#2. Utilizza un linguaggio conversazionale

Il tuo lettore o il tuo cliente è il tuo migliore amico. Indossa un jeans, una t-shirt e sciogli le briglie, rivogiti a lui senza costruzioni nè artefatti, con semplicità e trasporto. Prediligi la chiarezza.

Puoi esprimerti con stile anche evitando inutili abbellimenti che innervosiscono e distraggono il lettore, allontanandolo da quel che lui desidera trovare: risposte. Esaustive, chiare, semplici e concrete.

Ti consiglio di leggere: Blogging e Webwriting: le parole proibite.

#3. Il tuo compito non è impressionare ma emozionare

Ricorda sempre che sei uno scrittore del Web e che per te emozionare non significa impressionare dando dimostrazione delle tue dantesche capacità di scrittura.

Emozionare significa scrivere una Storia che riesca a raccontare un’avventura appassionante, avvincente e, al tempo stesso, capace di trasmettere informazioni valide e utili. Nel Web, oggi, affinché la tua comunicazione abbia successo e il tuo lettore/cliente riesca a sentirsi a suo agio e coinvolto, l’una componente non può fare a meno dell’altra.

Ti consiglio di leggere: La tua Storia, la tua opportunità.

#4. Scegli sempre un contenuto attraente

Parlare il medesimo linguaggio del tuo interlocutore significa anche scegliere un contenuto realmente utile per chi ti legge. Cos’hai da offrirgli? Perché dovrebbe dedicarti il suo tempo e la sua attenzione? Rispondi a questa domanda e comunicare efficacemente con il tuo lettore/cliente diventerà più facile e agevole.

Ti consiglio di leggere: Content Marketing: i contenuti che falliscono.

#5. Mettici del tuo

Tu devi esserci sempre, in ogni messaggio che scrivi, in ogni frase, in ogni parola e in ogni pausa. Questa è la rivoluzione del Web: le persone e la loro identità diventano talmente centrali e importanti da divenire esse stesse parte del contenuto che trasmettiamo e che vogliamo leggere.

Ok, in un attimo starai già pensando alle Digital Pr, all’Influencer Marketing e a tutta la questione etica che fa loro compagnia, lo capisco. Ma ora non è il momento di trattare quest’argomento così interessante e che necessita di tempo e spazio adeguati.

Su una cosa, però, devi ben riflettere:

Letture consigliate

Raccontami la tua

Parlare il medesimo linguaggio dei tuoi lettori/clienti è indispensabile per farti amare e per fidelizzarli. Tu quali tecniche usi per farti capire da loro e per coinvolgerli? Raccontami la tua nei commenti, non esser timido! 🙂

Ti sei già iscritto alla mia newsletter? No? Ti aspetto, proprio ora. 🙂

Condivisioni

Informazioni su Ludovica

Capello riccio un po’ selvaggio, nata con in mano una biro da battaglia più che con un’elegante stilo. Amo colorare con le parole vuoti spazi bianchi.

8 commenti

  1. Vero, sono d’accordo, é fondamentale, ma non tanto solo parlare il linguaggio stesso del lettore, ma piuttosto capire cosa interessa al lettore o il cliente. Cioé insomma cosa hai in comune con i tuoi fans o potenziali clienti. Quindi é chiaro che bisogna porsi in un modo attraente e interessante, ma piú che questo devi analizzare chi é il tuo audience, e puntare piú su chi hanno i tuoi stessi interessi. Tanto se vai a cercare a dire cose attraenti a un gruppo di persone che pensi potrebbero diventare tuoi clienti, ma non sei te stessa, difficilmente ti seguiranno. Quindi direi che é piú di definire cosa ti interessa, cosa ti appassiona, puntare su questo, trovare canali per conversare su questo/questi argomenti, e troverai tuo pubblico.;-) E sopratutto devi far vedere chi sei, fuori del lavoro.

    1. Ciao Katarina! 🙂

      Il tuo contributo racchiude diversi spunti di riflessione, tutti fondamentali:
      1. la necessità di identificare il proprio target. Ne parlo in diverse occasioni ma soprattutto qui –> http://ludovicadeluca.com/2044/imparare-a-scrivere-per-il-web/
      2. l’importanza di essere se stessi. Qui puoi trovare la mia riflessione –> http://ludovicadeluca.com/1926/il-bravo-webwriter-scrive-per-se-stesso/
      3. l’importanza di avere un’identità ben definita e di sapere come comunicarla. Ad esempio ne ho parlato qui –> http://ludovicadeluca.com/858/blogger-identity/

      Tu come hai identificato il tuo target di riferimento?

Rispondi

La tua mail non sarà pubblicataI campi richiesti sono contrassegnati *

*

code