Il bravo Webwriter

Il bravo Webwriter (è quello che) scrive per se stesso

Condivisioni

Affermazione forte, vero? Lo so, ti aspettavi dicessi che il buon Webwriter o il buon Blogger scrive per il suo lettore ed invece no, oggi ti dico che il Webwriter e il Blogger che vuol fare la differenza scrive per se stesso.

E no, non è un titolo acchiappa click e neppure un titolo provocatorio. Tutt’altro, è un titolo sincero, che vuole indurti a riflettere su una verità che, a mio modo di vedere, è imprescindibile.

Cosa vuol dire che il buon Webwriter scrive per se stesso?

Di sicuro non significa che il bravo Webwriter o il bravo Blogger deve essere autoreferenziale: così finirebbe solo con il perdere ogni contatto con la realtà esterna, con il dimenticare di instaurare un legame forte con il suo lettore e sarebbe incapace di assolvere al suo compito, quello di risolvere concretamente il problema manifestato da chi lo legge.

Allora cos’è che significa per un Webwriter o per un Blogger avere il dovere e la capacità di scrivere per se stesso? Te lo spiego!

#1. Significa ricordare per quale ragione hai cominciato a scrivere

Qual è la ragione primaria che ti ha convinto a diventare un Webwriter o un Blogger? Credo prorprio che non abbia nulla a che vedere con la razionalità, ma che riguardi il cuore, l’istinto, la passione. E’ questa la parolina magica capace di aprirti le porte su mondi sconosciuti e che potrai raccontare al tuo lettore con abile dote comunicativa, la passione.

Tip 1 –> Se tu sei un appassionato scrittore del Web, il tuo lettore si appassionerà ai tuoi racconti.

#2. Significa scrivere quello che nessun altro ha scritto

Un Webwriter o un Blogger che scrive per se stesso è uno scrittore che scava nel suo io, esplora la sua intimità e racconta pensieri, riflessioni, opinioni, soluzioni personali ai suoi lettori. Solo offrendo realmente qualcosa di tuo ai tuoi lettori potrai scrivere quel che nessun altro ha scritto prima di te, così che sarai capace di conquistare non solo l’attenzione di chi ti legge ma anche la sua fiducia.

Tip 2 –> Sei tu, con la tua identità, la tua personalità e il tuo mondo il tuo stesso valore aggiunto.

#3. Significa amare quello che scrivi e suscitare amore in chi ti legge

Pensa se non amassi quel che scrivi… Accadrebbe che ogni giorno, davanti a quel pc che ti fissa con il suo foglio bianco, ti sentiresti come uno di quegli uccelli in gabbia obbligati a restare chiusi in uno spazio piccolo e angusto, senza poter spiegare le ali e spiccare un volo libero e felice. E credi che, se tu fossi proprio quell’uccello in gabbia, riusciresti forse a raccontare una storia emozionante e coinvolgente, uno di quei racconti capaci di trasportare i tuoi lettori in un intenso vortice di avventure memorabili?

Tip 3 –> Ama quel che scrivi e sarai capace di scrivere storie uniche, che i tuoi lettori ameranno per sempre!

#4. Significa scrivere per la tua felicità e per quella dei tuoi lettori

Se un sorriso sulla bocca farà capolino mentre il tintinnìo dei tasti diventa sempre più veloce e ritmato, vuol dire che stai scrivendo un capolavoro! Ovvio che non intendo uno di quei capolavori senza tempo che appartengono ai grandi scrittori della letteratura. Nel nostro piccolo mondo di Webwriter e Blogger professionisti, un capolavoro è un testo capace di render felice il tuo lettore, di emozionarlo e di infondergli una carica positiva, di farlo divertire con l’ironia e con la simpatia, di incoraggiarlo a fare, di rassenarlo indicandogli come risolvere il suo problema.

Tip 4 –> Se mentre pigi rapidamente i tastini del tuo pc il tuo animo è sereno e felice, anche il tuo lettore sarà sereno e felice.

Vuoi approfondire?

Leggi questi post:

Raccontami la tua!

Secondo te cosa vuol dire per un Webwriter o per un Blogger professionista scrivere per se stesso? E quanto conta per diventare un bravo scrittore del Web? Ti aspetto nei commenti e poi, se non l’hai già fatto, iscriviti alla newsletter! 🙂

Condivisioni

Informazioni su Ludovica

Capello riccio un po’ selvaggio, nata con in mano una biro da battaglia più che con un’elegante stilo. Amo colorare con le parole vuoti spazi bianchi.

13 commenti

  1. … spiegare le ali e spiccare un volo libero e felice: quanto amo questo tuo post, Ludovica! Grazie per la connessione e per ricordarmi che è fondamentale ricordare ogni giorno il motivo per cui si apre un blog e si scrive 🙂

  2. Ciao ludovica….che titolo’!!! Ho dovuto leggerlo perche lontano anni luce dal pensiero di altri professionisti del blogger…..ma dopo un po mi sono ricreduto……e vero ho aperto il blog per passione quindi mi piacerebbe continuare a scrivere quello che mi piace……il problema che a mio avviso il professionista del web ed in particolare il vostro assomiglia un po al rivenditore di alimenti in generale…..mi spiego….
    Cioe vendono quello che noi acquirenti cerchiamo se sta tirando in questo periodo il cacchimela…..anziché solo il cacchi…..cercherò in tutti modi di comprare sempre di piu questo prodotto… stessa cosa farà il blogger….scriverò si per il mio piacere….ma se e solo mio….sarà un messaggio messo in una bottiglia e buttata a mare……qualcuno lo leggerà.
    Altrimenti dovro studiare una strategia per potermi far leggere

    1. Ciao Fabio! 🙂

      Parti da questo presupposto: quello di cui tu scrivi e di cui a te piace scrivere, certamente interesserà ad altre persone appassionate all’argomento. La strategia sta nel trovare i canali per incontrare proprio quelle persone, com’è necessità di ogni strategia di Web Marketing che voglia esser tale.
      Grazie mille per il tuo contributo, Fabio! 🙂

  3. Ciao Ludovica.
    Tocchi un argomento a cui tengo molto anche io: spontaneità, unicità, voglia di superare un pochino se stessi ad ogni post. Non importa se scrivi per il tuo blog o per un blog aziendale: racconta una storia, raccontala in maniera unica e allora sei un vero Web Writer. Questa è la nostra sfida di ogni giorno, o no? 😉

    1. Ciao Mauro! 🙂

      Certo, è la nostra sfida quotidiana: raccontare una storia che sappia toccare le corde più profonde di chi ci legge, sia quando i protagnisti siamo noi in prima persona sia quando a esserlo sono i brand di cui ci facciamo portavoce.
      Grazie mille per il tuo bel contributo! 🙂

      Ludovica

Rispondi

La tua mail non sarà pubblicataI campi richiesti sono contrassegnati *

*

code