Facebook ADS: come scrivere inserzione efficace

Facebook ADS: come scrivere un’inserzione efficace

Condivisioni

Facebook è uno strumento di marketing e di comunicazione di cui non puoi più fare a meno. Lo so che lo sai. Ma il punto è: lo sai solo perché lo hai sentito dire da quel tuo amico fidato o da quel concorrente che tanto temi? Oppure lo sai perché ne hai conoscenza reale e concreta? Beh, in ogni caso, è giunto il momento di diventare consapevole dei tuoi mezzi e delle opportunità che possono offrirti Facebook e le Facebook ADS, ancora sottovalutate e spesso ignote.

Non puoi più rimandare. Devi informarti e capire a cosa ti servono e perché, esattamente. Intanto ti anticipo quel che, in linea generale, è fondamentale nella tua strategia di comunicazione su Facebook: trasmettere il giusto messaggio nel giusto modo al tuo giusto target. Di seguito ti suggerisco come fare.

Prenditi qualche minuto e mettiti comodo, perché ne avrai da leggere. Cominciamo? 🙂

Il grande vantaggio delle Facebook ADS

Sai perché le Facebook ADS devono assumere un ruolo importante nella tua strategia di marketing e di comunicazione? Perché sono sistemi di inserzioni che si basano sugli interessi degli utenti. Ti permettono, infatti, di selezionare il target a cui riferirti in modo preciso e dettagliato, tenendo conto di quali sono le sue esigenze, gli interessi che ha espresso, le relazioni che intrattiene e di intercettare esclusivamente quel segmento di utenti che è potenzialmente interessato a quel che tu hai da offrire.

Questo vuol dire che, se avrai saputo osservare, analizzare e capire il tuo target, le Facebook ADS ti aiuteranno a risparmiare risorse in termini di tempo e di denaro.

N. B. Le Facebook ADS non funzionano se esulate dal piano di Marketing e non supportate contestualmente da altre strategie e tecniche di vendita, di promozione e di comunicazione.

A cosa servono le Facebook ADS

Ti starai chiedendo: ma, concretamente, i social servono per vendere beni o servizi? La risposta è sì, ma non in maniera diretta. Il processo di acquisto è un percorso lungo, che procede per tappe e in cui entrano in gioco molteplici fattori. Lungo questo percorso il tuo compito è quello di coccolare il tuo cliente e di accompagnarlo per mano, passo dopo passo, aiutandoti con strumenti di volta in volta diversi.

Le principali fasi del processo di acquisto sono:

  • attrarre le persone giuste, quelle realmente interessate al tuo brand ed è in questo momento che dovrai trasformare gli stranieri in visitatori del tuo sito web;
  • convertire il visitatore in contatto e far sì che ti conceda un modo per ricontattarlo (devi recuperare i suoi dati, dunque);
  • risolvere il problema del potenziale cliente e trasformarlo, così, in cliente acquisito;
  • fidelizzare il cliente acquisito, coccolarlo e prenderti cura di lui.

In questo processo d’acquisto, i social network si collocano all’inizio e alla fine. La loro funzione, infatti, è quella di attrarre i tuoi potenziali clienti dimostrando la tua autorevolezza nel settore e poi di fidelizzarli stabilendo con loro un rapporto longevo e duraturo, fondato sulla cura e sul dialogo. Bene, ora facciamo un ulteriore passo avanti e cerchiamo di capire il ruolo che svolgono le Facebook ADS in questo percorso.

Le Facebook ADS hanno il compito di:

  • intercettare la domanda latente, ovvero quei clienti che non cercano attivamente il tuo brand ma sono potenzialmente interessati al tuo prodotto o servizio;
  • coltivare e gestire le connessioni (si parla di lead nurturing e di lead management), ovvero di mettere in atto quelle strategie e tecniche che ti consentono di costruire relazioni al fine di trasformare i potenziali clienti in clienti acquisiti;
  • dare visibilità al tuo brand (brand awareness);
  • dare visibilità e portare traffico al tuo sito web;
  • dare slancio al raggiungimento di altri obiettivi specifici e intermedi alla conversione sul sito web e/o alla vendita (quali la promozione della tua Fan Page o di un video o di un evento).

Obiettivi Facebook ADS

Come scrivere una campagna Facebook ADS efficace?

Ricorda che le Facebook ADS sono efficaci perché si basano sugli interessi degli utenti, consentendoti così (se impari ad usarle bene) di profilare il tuo target. Vuoi ottenere il massimo beneficio con il minimo sforzo? Targettizza in maniera precisa il tuo pubblico di riferimento e poi crea annunci coinvolgenti ed efficaci.

Un messaggio promozionale efficace è quello che è in linea con le esigenze del pubblico a cui si rivolgerà, che sa rispondere in maniera precisa ad una necessità specifica, che è comunicato in modo attraente e persuasivo. Prima di decidere copy e visual di un annuncio ADS, perciò, devi stabilire quali sono i tuoi obiettivi, quale il tuo pubblico di riferimento, che budget hai a disposizione. Dopo, sulla base di tutto questo e del messaggio che vuoi trasmettere, decidi testo e immagini della tua inserzione pubblicitaria.

Ti consiglio di leggere: I 10 mantra della comunicazione nel Web [+Infografica]

Come scrivere su Facebook un’inserzione efficace? Ecco i miei consigli:

#1. Costruisci un messaggio su misura del tuo target

Parti da questo mantra: il messaggio della tua inserzione deve essere pertinente al target a cui ti vuoi rivolgere. A chi comunicherai, dunque? E come? Sono due le cose da fare prima di cominciare a scrivere la tua Facebook ADS:

  1. devi osservare e analizzare: cosa stanno cercando i tuoi potenziali clienti? Utilizza strumenti quali Keyword Planner di Google, Google Trends e gli stessi Insights di Facebook, tool professionali come SemRush e SeoZoom, piattaforme di social media monitoring come Mention e Talkwalker, naviga nei forum, vivi le community, leggi i commenti di blog e social, studia le condivisioni. Insomma, ne hai a disposizione di dati e di informazioni da incrociare per capire le esigenze e i problemi del tuo target, oltre che le parole e i termini a cui sono più sensibili.
  2. devi personalizzare il tuo messaggio. Questo vuol dire sia che devi aggiungere un tocco di creatività e di originalità alla tua comunicazione sia che devi farlo in un modo che sia coerente alla tua Brand Identity e al tuo tono di voce. Insomma, devi comunicare un messaggio di personalità, attraente nel contenuto e univoco e coinvolgente nello stile.

#2. Sii specifico

Di’ chiaramente ciò che stai offrendo al tuo target. Non essere vago né generico. Se pensi che così facendo riuscirai a creare suspence e a incuriosire il lettore, stai sbagliando.

Intendi, ad esempio, promuovere la tua casa vacanza in Salento? Bene, nel titolo, nel testo, nella description, in ogni dove, specifica che la tua promozione è destinata a chi vuole vivere una vacanza da sogno proprio in Salento.

#3. Concentrati su un problema e offri una soluzione

Il tuo messaggio deve comunicare la capacità della tua offerta di risolvere un problema specifico del tuo (specifico) target di riferimento. Seguimi e troverai la soluzione che stai cercando! Ecco cosa deve riuscire a comunicare la tua inserzione per risultare efficace e farsi cliccare.

#4. Offri un’opportunità imperdibile

Devi offrire un vantaggio esclusivo a chi ti sta dedicando tempo e attenzione. Può trattarsi di uno sconto, di una risorsa preziosa e gratuita, di una promozione riservata, insomma di qualcosa che conferisca importanza al tuo messaggio e incoraggi il tuo pubblico a compiere l’azione che desideri.

#5. Incuriosisci e motiva chi ti legge

La curiosità muove il mondo. E’ questa il motore delle nostre azioni, delle nostre ricerche, della nostra voglia di fare. Incuriosisci il tuo lettore con domande specifiche, utilizzando dei numeri (che possono essere di grandezza notevole o scendere nel dettaglio, a seconda delle tue esigenze), inserendo nella tua Facebook ADS paroleesca che attivano l’interesse e la curiosità (ad esempio eccoquesto, orascopri).

#6. Sii positivo, ma non sottovalutare le emozioni negative

Comunicare positività e ottimismo è di sicuro una strategia vincente, perché ben predispone il lettore all’ascolto e all’azione. Parole utili la tuo annuncio possono essere: tu/tuoi, gratis, novità, capace, diventa, vinci, puoi.

D’altro canto, non devi sottovalutare neppure il potere delle emozioni negative. Questa tecnica ti consente di condurre il tuo lettore in un viaggio che esplora sentimenti spiacevoli, da cui a tutti i costi vogliamo stare alla larga. Così tu diventerai una sorta di eroe che accorre in suo aiuto, offrendogli la soluzione che gli permetterà di ritrovare il sorriso. Parole utili alla tua Facebook ADS in questo caso sono: stanco, stufo, esausto, noiafatica. Sarà la CTA poi a offrire il modo per porre fine a questi sentimenti negativi. Esempi di CTA sono: basta!, fermati! oppure Ecco la tua soluzione.

La regola valida in entrambi i casi? Il buon senso, che ti consentirà di non esagerare in un caso né nell’altro.

#7. Fai leva sulla gratuità e sulla scarsità

Gratuità e scarsità sono due potenti leve di vendita. La gratuità lascia intendere al tuo lettore che, con poco o nullo sforzo, otterrà in cambio un dono. La scarsità aumenta il valore percepito del prodotto. In entrambi i casi stai offrendo al tuo target un imperdibile vantaggio, qualcosa che non tutti possono avere.

Attento però! Il testo della tua Facebook ADS deve descrivere e promettere esattamente l’offerta, ovvero quel che l’utente troverà cliccando l’inserzione. Sii sempre corretto e trasparente con chi di te si fida.

Ti consiglio di leggere: Come e perché parlare (efficacemente) con i tuoi lettori/clienti

Anatomia del contenuto di una Facebook ADS

Ed ora scendiamo ancor più nel dettaglio del contenuto delle Facebook ADS. Per cominciare, tieni presente che nelle inserzioni il testo presente nelle immagini non può occupare più del 20% dell’immagine stessa. Si tratta di un parametro che Facebook impone al fine di favorire la qualità dell’annuncio e il coinvolgimento dell’utente.

Vuoi capire se la percentuale di testo presente nella tua immagine è consentita per una Facebook ADS? Usa lo strumento griglia, messo a disposizione dallo stesso Facebook.

Anatomia di Facebook ADS

 

#1. Il titolo

Il titolo della tua Facebook ADS può contenere al massimo 250 caratteri e deve esprimere immediatamente cosa intendi comunicare al tuo lettore.

I miei consigli sono due:

  • prediligi titoli corti (tra le 4 e le 5 parole), facilmente e velocemente leggibili. Ricorda che hai pochissimo tempo, 3 o 4 secondi al massimo, per attrarre l’attenzione di chi ti legge e incuriosirlo;
  • scegli un benefit e concentrati su questo. Cattura l’attenzione dei tuoi lettori comunicandolo con chiarezza e precisione, in poche parole, con un linguaggio diretto, senza girarci attorno. Evidenzia la sua importanza con convinzione, emoziona il lettore e invoglialo a continuare la scoperta di quel che hai da offrirgli.

Esempio: “Borse adorate! Per te il 10% di sconto”

#2. Il testo dell’annuncio

Deve contenere una descrizione precisa e accattivante della tua offerta. Scegli con cura in che modo comunicare al tuo target cosa gli stai offrendo di vantaggioso e utile. Lo stesso Facebook ti suggerisce:

Le parole dell’inserzione sono limitate: usa un linguaggio semplice e vai dritto al punto.
Ad esempio, il contenuto dell’inserzione potrebbe essere: “Sono arrivati i nuovi prodotti! Clicca per accedere al nostro sito e ordinarli subito!”
Con la prima frase catturi l’attenzione delle persone, mentre con la seconda spieghi loro cosa fare dopo aver visto l’inserzione.

 

Se nel testo del tuo annuncio sei stato convincente, allora il tuo lettore, accompagnato dal suo occhio che funziona come uno scanner veloce e intuitivo, scenderà a leggere anche la description.

Esempio: “C’è un regalo per te! Subito uno sconto del 10% su tutta la nuova collezione di borse. Vieni a trovarci!”

Perché funziona?

  • Parla di regali e a chi non piace ricevere un dono inatteso?;
  • esordisce incuriosendo il lettore;
  • esprime con chiarezza quale benefit offre;
  • è preciso: spiega che lo sconto riservato è del 10% e utilizza parole come subito e tutto, che forniscono indicazioni precise sui tempi e sui modi (lo socnto è ora e non ci sono articoli esclusi dalla promozione);
  • per terminare, invita all’azione.

#3. La description di una Facebook ADS

Sei riuscito a condurre il tuo lettore fino alla description della tua Facebook ADS. Questa è la fase che chiude il messaggio e prepara il lettore all’azione. Non può superare i 250 caratteri e deve approfondire con ulteriori dettagli (importanti e ben studiati) il contenuto del titolo, la promessa dell’offerta, qual è il benefit che offri.

#4. Didascalia

E’ l’URL del tuo sito web e sarà Facebook stesso a chiederti di inserirla in fase di progettazione dell’annuncio.

#5. La Call To Action

Il lettore ti ha dato ascolto. Lo hai quasi convinto. Ora è giunto il momento di farlo agire concretamente, di invitarlo all’azione. Scegliere la giusta CTA non è così facile: devi capire quali sono le leve che riescono a smuovere efficacemente il tuo lettore e il suo ditino e devi esprimerla in modo chiaro e preciso.

Esempi di Call To Action efficaci possono essere scopri di più, compra ora, porta a tavola, contattami ora, ma il consiglio è sempre lo stesso: testa, testa e testa!

#6. L’immagine dell’inserzione pubblicitaria

Le immagini del tuo contenuto pubblicitario sono fondamentali perché, se ben scelte, hanno la capacità di attirare immediatamente l’attenzione del tuo target, favorendo la lettura del titolo e del testo del tuo annuncio.

Le immagini della tua Facebook ADS devono essere coerenti con il messaggio che trasmetti, pertinenti con il target, con l’offerta e con l’obiettivo della tua azione di comunicazione e devono essere coordinate alla tua strategia di marketing generale. Ricorda che comunicare in modo univoco ti aiuterà a renderti riconoscibile, a facilitare il ricordo e a rendere più facilmente comprensibile il messaggio che vuoi trasmettere al tuo pubblico di riferimento.

Le normative pubblicitarie di Facebook, inoltre, precisano:

Le inserzioni non possono contenere immagini del tipo “prima e dopo” o immagini di risultati insperati o improbabili. Le inserzioni non possono raffigurare uno stato di salute o una corporatura come perfetti o particolarmente non attraenti (ad es. non puoi usare un’immagine che mostra una persona intenta a misurarsi il girovita o un’immagine concentrata unicamente sugli addominali di una persona).

Quanto alle dimensioni raccomandate da Facebook sono:

  • 1200 x 627 pixel per le singole immagini (con un minimo di 600 pixel);
  • 600 x 600pixel nel caso del Carousel ADS, le inserzioni costituite da più immagini.

Raccontami la tua e iscriviti alla mia newsletter

Scrivere in modo efficace il contenuto di una Facebook ADS, scegliere parole e immagini è ben più complicato di quanto spesso si possa pensare. Fin qui i miei suggerimenti, quel che ho raccolto dalla mia esperienza quotidiana. E la tua di esperienza cosa ti suggerisce? Condividila con me nei commenti! 🙂

Ti sei già iscritto alla mia newsletter? Io ti aspetto!

Condivisioni

Informazioni su Ludovica

Capello riccio un po’ selvaggio, nata con in mano una biro da battaglia più che con un’elegante stilo. Amo colorare con le parole vuoti spazi bianchi.

12 commenti

  1. Grazie mille per questo approfondimento, non sono pratico di inserzioni su Facebook ma per merito di un articolo come questo posso capire su cosa puntare per rendere un annuncio vincente. A presto!

  2. Ottimo approfondimento Ludovica!
    Concordo pienamente quando dici: “un messaggio promozionale efficace è quello che è in linea con le esigenze del pubblico a cui si rivolgerà, che sa rispondere in maniera precisa ad una necessità specifica, che è comunicato in modo attraente e persuasivo.”
    Per quanto riguarda l’anatomia del contenuto di una Facebook Ads ecco cosa ho imparato dalla mia esperienza:
    Titolo – breve e che descrive chiaramente quello che offri;
    Testo – Non necessariamente lunga, bastano due righe. Io solitamente uso una frase che punta sul bisogno o sulla paura del mio pubblico e poi una risposta concisa su come ottenere il beneficio sperato;
    Descrizione – una frase che motiva il pubblico a eseguire la CTA e che la richiama
    Per l’immagine sinceramente penso che occorra fare dei test, non è detto che l’immagine che abbiamo in mente sia quella più efficace. Ovviamente i test valgono anche per gli altri elementi dell’inserzione e aiutano molto ad ottimizzare i risultati.

    1. Ciao Luca,
      grazie a te per il tuo ottimo intervento.

      Credo che puntare su bisogni, paure, necessità del pubblico di riferimento sia una leva psicologica e motivazionale molto forte.
      Quel che è importante è anche che tutte le varie parti delle nostre Facebook ADS siano pensate a partire da un fil rouge comune, che le tiene insieme e le rende maggiormente efficaci.

      Quanto ai test, sono irrinunciabili! 🙂
      Grazie ancora per il tuo prezioso contributo.

      Alla prossima,
      Ludovica

Rispondi

La tua mail non sarà pubblicataI campi richiesti sono contrassegnati *

*

code