Come gestire un blog: 11 consigli + 1 Bonus

Come gestire un blog

Condividimi!

Come gestire un blog in modo che possa essere un efficace strumento di business, uno strumento per comunicare, rappresentare, conquistare, vendere e fidelizzare?

Gestire un blog, al di là di fuorvianti mode e di possibili luoghi comuni, è un’attività che ha il compito di condurre un brand verso il raggiungimento dei suoi obiettivi di business. In modo concreto e reale. Per riuscirci, però, è fondamentale saper maneggiare lo strumento blog in modo corretto e preciso, sfruttandone le potenzialità, conoscendone le dinamiche, elaborando strategie in grado di rispondere alle specifiche esigenze. Ma a chi appartengono queste esigenze? 

Ai tre gli interlocutori del blog:

  • Google e, in generale, i motori di ricerca, che deve conquistare per far sì che sia visibile e accessibile nel momento del bisogno manifestato dall’utente;
  • il brand, che rappresenta con i suoi contenuti e il suo linguaggio e di cui si fa portavoce;
  • l’utente a cui si rivolge e che deve convincere a compiere un’azione ben specifica.

Riuscire a scrivere un contenuto capace di congiungere i tre interlocutori è, probabilmente, il compito più difficile del blog, perché ognuno di questi ha le sue esigenze specifiche, il suo linguaggio e le sue necessità, che il blog (e il blogger) deve conoscere approfonditamente e deve essere capace di soddisfare.

Capirai bene, quindi, come gestire un blog non necessariamente significhi gestire efficacemente un blog.

Gestire un blog non vuol dire gestire efficacemente un blog

Efficacemente. E’ questo l’avverbio che fa la differenza. E’ proprio l’efficacia dello strumento che rende il blog realmente utile per un brand e che, tra le altre cose, distingue un blogger amatoriale da un blogger professionista. Ma cosa vuol dire gestire efficacemente un blog? Significa che il blog deve essere funzionale al raggiungimento degli obiettivi di business del brand. Cosa vuole ottenere il brand con la gestione del blog? In che modo il blog i integra nella strategia di web marketing?

Nulla di aleatorio, dunque. Parliamo di business, di obiettivi, di risultati. Gestire efficacemente un blog, infatti, significa pensarlo come mezzo per raggiungere determinati e ben precisi obiettivi. Ed è proprio a partire dalla meta che devi raggiungere che devi elaborare la strategia di gestione del blog, quali linee guida seguire, quali contenuti postare, quando, come, con quale linguaggio, con quale tono di voce, ottenendo quali risultati. 

Ti consiglio di leggere: Digital Business Writing: la scrittura professionale per il business [La Guida].

Gestire un blog: quali gli obiettivi?

Perché un brand dovrebbe investire nella gestione di un blog? Per diverse ragioni. Innanzitutto, il blog è uno strumento di vendita diretto e uno strumento di vendita indiretto. Ti spiego in che senso.

Il blog è uno strumento di vendita diretto perché può consentirti di intercettare utenti che sono realmente interessati alla risoluzione estemporanea del loro problema e, se tu sarai capace di trovare queste persone giuste, nel momento giusto, con il contenuto che cercano e offrendo loro la soluzione in grado di soddisfarli, potrai indurli alla vendita diretta dello specifico prodotto o servizio, ad esempio inserendo un form ad hoc nello stesso blog post. In maniera ancora più efficace, il blog è uno strumento di vendita indiretto perché ti consente di raggiungere leads, nuovi contatti interessati alla tua offerta (e ancora non pronti all’acquisto), e perché ti permette di costruire una relazione con  tuoi lettori/clienti, così che potrai costruire una community a te affezionata. Perché la community è così importante? Perché, da un lato, fidelizzerai i tuoi clienti e li indurrai a nuovi acquisti in futuro e, dall’altro lato, loro stessi saranno propensi ad attivare un positivo e disinteressato passaparola attorno al tuo brand, che per te vuol dire visibilità e promozione gratuita.

E, ancora, un brand dovrebbe investire nella gestione di un blog perché il blog è uno strumento di brand management, uno strumento che ti offre la possibilità di raccontarti e di donare qualcosa di utile ai tuoi lettori. In questo senso, gestire il blog ti consente di:

  • generare coinvolgimento (brand engagement) e interesse da parte delle persone;
  • ottenere visibilità (brand awareness) presso un pubblico di persone potenzialmente interessate alla tua offerta;
  • costruire, consolidare e curare la tua brand reputation.

Ma il blog ha anche due altre preziosissime funzioni:

  • ti consente di portare traffico qualificato al tuo sito web o al tuo e-commerce, ovvero, ti consente di posizionarti nelle SERP dei motori di ricerca, di farti trovare e di intercettare persone che sono realmente interessate a quel che hai loro da offrire e da dire, così ottimizzando gli sforzi e gli investimenti. Questo è possibile solo se la gestione del blog e la produzione dei contenuti è ottimizzata in ottica SEO, a partire dall’analisi delle keywords fino all’applicazione di tutte le necessarie tecniche di SEO Copywriting. Come fare? Leggi il post Imparare a scrivere per il web (in 4 fasi);
  • ti consente di accumulare preziosi dati per l’attivazione di campagne di advertising a pagamento sui social che, così, possono fare affidamento sull’impiego di target più efficaci. Pensa a tutto quello che puoi fare installando il Pixel di Facebook sul tuo blog: puoi accumulare dati sul traffico, sulle azioni di conversioni, sulle caratteristiche delle persone, sulle loro abitudini di navigazione e via dicendo. A partire da questi dati, inoltre, puoi costruire pubblici personalizzati e pubblici simili, preziosi perché (più) in target con la tua offerta.

Ti consiglio di leggere: 7 buoni motivi per aprire un blog aziendale [+1].

Come gestire un blog?

Chiarito perché per un brand è utile un blog, ora la domanda è: come gestire un blog? Le competenze da conoscere sono tante, le accortezze da avere anche e le capacità da sviluppare non sono da meno.

Gestire un blog in modo efficace è un’attività complessa, che può essere svolta da un professionista che non è solo un capace scrittore, ma che ha anche competenze nel settore del marketing e della comunicazione, che sa cosa significa gestire un brand, quanto conta saper comunicare la sua identità e fare in modo che questa sia percepita all’esterno in modo coerente e attinente alla realtà. Un principio fondamentale della gestione del brand è che tra la sua identità e la sua immagine, ovvero la brand identity così come viene percepita all’esterno, vi sia coerenza. Ecco, in quest’ottica capirai bene come gestire un blog abbia la fondamentale funzione di rappresentare l’identità del brand e di comunicare la sua immagine con coerenza, trasparenza e onestà. Il blog si fa portavoce del brand, compito prezioso e anche complicato.

E, ancora, gestire un blog vuol dire saper elaborare una strategia di blogging che preveda quali contenuti pubblicare per raggiungere quei determinati obiettivi e il target di riferimento. E vuol dire saper applicare le corrette tecniche di SEO Copywriting, necessarie per far posizionare il contenuto nei primi posti delle SERP dei motori di ricerca. Gestire un blog vuol dire parlare alle persone, raccontare loro storie avvincenti e offrire informazioni utili, intrattenere un dialogo vero e costruire relazioni oneste. Gestire un blog in modo efficace vuol dire aver consapevolezza che si tratta di uno strumento attorno a cui costruire una community di persone interessate, affezionate e fidelizzate.

Ecco che una strategia di gestione del blog deve tenere conto di tutto questo e dei tre interlocutori di cui ti ho parlato all’inizio del post, degli obiettivi che i singoli contenuti devono raggiungere, del tono di comunicazione e del linguaggio con cui comunicare, delle tecniche di SEO Copywriting da applicare. A partire da queste analisi preliminari e fondamentali è opportuno elaborare un piano di blogging e un calendario editoriale per blog che definiscano cosa fare, come, quando e perché.

Ed ora ti appunto alcune linee guida che devi seguire per gestire un blog in modo efficace, orientando le attività all’obiettivo che vuoi raggiungere.

11 consigli + 1 per gestire efficacemente un blog

Come gestire efficacemente il tuo blog? Quali sono le necessarie e buone pratiche da adottare? Ti suggerisco 11+ 1 consigli utili e indispensabili:

#1. Usa il sistema di macro e di micro obiettivi 

Il sistema di macro e di micro obiettivi è un sistema che ho elaborato per aiutarti a capire qual è il reale valore del tuo blog ed è uno strumento che può sostenerti nella definizione degli obiettivi che vuoi raggiungere con la gestione del tuo blog e con i singoli contenuti che posti. Qual è la strategia più adeguata per ottenere i risultati che desideri? Comincia dal sistema di macro e di micro obiettivi per definire la tua risposta.

Non mi dilungo oltre. Troverai tutti i miei suggerimenti e le mie spiegazioni nel post Il blog nella tua strategia di Web Marketing: il sistema di macro e micro obiettivi.

#2. Scegli di essere un Blogger Comunicatore

La vera differenza nella gestione di un blog sta nella capacità di comunicare il brand. Questo implica molte cose, tante, rintracciabili in un mix di abilità, competenze, studi, esperienze. Non tutti i blogger sono comunicatori ma ti dico una cosa: il solo vero blogger professionista è il blogger comunicatore, il blogger che si fa portavoce, che è mediatore.

Chi è il blogger comunicatore? E’ quel blogger che:

  • conosce il suo brand-cliente, conosce il settore di riferimento, conosce molto bene il target a cui si rivolge e conosce anche i competitors che giocano al suo stesso tavolo;
  • analizza i dati, i risultati, tutte le informazioni che ha a disposizione e quelle che ha raccolto, così da decidere le migliori strategie e tattiche con cui scendere in campo;
  • decide quali contenuti sono più adatti per legare insieme (come vuole la stessa etimologia latina del verbo comunicare) brand e clienti, quale tono di voce e quale linguaggio sono quelli più adeguati per portare a casa la sua conquista;
  • programma le strategie, le tattiche, le attività perché sa bene che rilassarsi significherà perdere una battaglia;
  • mette in pratica, attua e osserva quel che accade.

#3. Elabora una dettagliata strategia di blogging

Gestire efficacemente il blog non è possibile senza un’attenta strategia di blogging. Si tratta di un’attività che necessita di tempo, di competenze e di una serie di delicati passaggi da seguire.

Nel post Blogging: come si crea una strategia? ti spiego proprio come realizzarne una, passo dopo passo, e nell’articolo La tua strategia di blogging funziona se… ti suggerisco, appunto, come creare una strategia di blogging destinata al successo.

#4. Affidati al piano e al calendario editoriali

Dopo aver elaborato la tua strategia di blogging, dovrai prevedere un piano d’attacco, il piano e il calendario editoriali, che ti consentono di ottimizzare le attività che svolgi con e per il tuo blog. Devi immaginarli come un navigatore che ti indica la strada che devi percorrere per giungere a destinazione e che, in caso di lavori in corso o imbocchi sbagliati, ricalcola il percorso in tempi rapidi.

Nel post Calendario editoriale per blog: cosa devi sapere?ti spiego come costruirne uno.

#5. Media

Quando gestisci un blog devi essere capace di mediare le emozioni e le ragioni, devi essere abile nel trovare un giusto equilibrio tra le loro preponderanze, quello che ti consentirà di raccontare una storia che è, allo stesso tempo, emozionante e utile per il tuo target di riferimento. Già, perché le emozioni tanto care allo storytelling mai devono essere sacrificate, ma neppure la concretezza e la praticità di un contenuto possono mai essere sottomesse.

#6. Scegli un team di cui fidarti

Nel caso di blog multi-autore o quando vuoi affidarti a più persone per la redazione dei contenuti del tuo blog, devi scegliere un team di persone e a ognuna di queste dovrai delegare un compito preciso. Sono persone di cui sai di poterti fidare, qualsiasi cosa accada, perciò i miei consigli sono:

  • presta molta attenzione alle tue valutazioni;
  • metti alla prova i tuoi collaboratori;
  • sii prudente ma non diffidente;
  • organizza con precisione ruoli e compiti.

#7. Definisci una netiquette

La netiquette è l’insieme delle regole che descrivono cosa fare, come comportarsi in determinate situazioni, come agire in specifiche circostanze e come reagire alle crisi. La netiquette è un documento importante per te, per il tuo team ed anche per gli eventuali ospiti del tuo blog. Pensa ai Guest Post, alle interviste, ai post a quattro mani, hanno bisogno di linee guida per non snaturare l’essenza del tuo blog.

A proposito dei diversi tipi di articoli che puoi ospitare sul tuo blog, ti consiglio di leggere Content Marketing: 14 tipi di blog post per rompere la monotonia.

#8. Scrivi un contenuto capace di convertire

E’ la pietra miliare della gestione efficace di un blog, il contenuto capace di convertire. Cosa vuol dire? Come deve essere strutturato? Quali caratteristiche deve avere? Come costruirlo?

Te lo suggerisco nel post Come scrivere un buon contenuto per il Web e lo faccio con l’aiuto di Ferdinand de Saussure e del triangolo semiotico.

#9. Elabora la strategia di promozione del blog

Come promuoverai e distribuirai i contenuti del tuo blog? Definire con precisione la strategia di promozione è essenziale per conferire il giusto valore e la meritata visibilità ai tuoi post. Diversi gli strumenti a tua disposizione, a seconda delle specifiche esigenze: i Social Network, le Digital PR, gli influencer di settore, le campagne pubblicitarie a pagamento (i circuiti AdWords di Google e Facebook ADS su tutte), le affiliazioni e l’e-mail marketing.

Tieni presente, inoltre, che la tua strategia di promozione del blog va integrata sia con la strategia globale di Web Marketing sia con le attività di comunicazione online e offline del brand.

#10. Monitora i risultati

Stai gestendo tuo blog attuando la strategia di blogging, seguendo il calendario editoriale e rispettando la strategia di promozione. Ok, ma quali risultati hai raggiunto fino ad ora? Per capirlo devi stabilire delle KPIs (Key Performance Indicators), ovvero degli indicatori di performance che variano a seconda dell’obiettivo che intendi misurare. Esempi di KPIs utili sono i link in ingresso che hai ottenuto nel dato periodo, il numero di nuovi iscritti alla newsletter, il tasso di conversione (dato dal rapporto tra visite della landing page e il verificarsi dell’azione predeterminata, come l’acquisto o la richiesta di informazioni).

Naturalmente, quest’attività non può prescindere da Google Analitycs, che ti fornisce moltissime informazioni utili per monitorare il comportamento dei tuoi utenti sul blog e agire di conseguenza.

Inoltre, fa’ molta attenzione a non confondere le KPIs con le vanity metrics, che pure possono fornirti notizie utili in determinate circostanze e se messe in relazione ai tuoi obiettivi, ma che non sono fondamentali per la tua attività di blogging come lo sono, invece, gli indicatori di performance.

#11. Ricomincia!

Dopo aver analizzato i tuoi risultati un altro fondamentale compito ti attende: devi ridefinire le tue azioni e migliorare la tua strategia. Analizza attentamente i dati e trova quel di cui hai bisogno per ottimizzare la gestione del tuo blog. Insomma, gestire efficacemente un blog è una continua attività di strategia, azione, ridefinizione e miglioramento. E’ un ciclo senza fine.

#12. Consiglio Bonus – Coniuga gli opposti

Ed ecco il mio personale consiglio. Vuoi fare blogging in modo efficace? Devi riuscire a conciliare questi opposti:

Gestire il blog: gli opposti si conciliano

Pronto?

Pronto a vivere la tua avventura con il blog? 

Sei alla ricerca di un blogger professionista capace di gestire il blog per raggiungere risultati concreti?

Iscriviti alla Newsletter per ricevere l'E-Book gratuito

* indicates required


( dd / mm / yyyy )