landing page, call to action, efficace, Ludovica De Luca, copywriter, webwriter, blogger

Come costruire una landing page efficace?

Condivisioni

Immagina. Il tuo cliente (o lettore) sta navigando in rete, clicca su un banner, una pubblicità, un link e approda lì, nella tua landing page. Solo che non trova esattamente quello che si aspettava e click, in un secondo è già altrove!

Ecco, hai perso un potenziale cliente/lettore! Se solo avessi progettato una landing page efficace e coinvolgente…

Il compito della landing page è quello di generare conversione, di persuadere il tuo lettore a compiere l’azione per cui è stata pensata: acquistare un bene o un servizio, richiedere un preventivo, effettuare una registrazione, sottoscrivere un’iscrizione. E’ da un primo sguardo a questa che il tuo utente decide se scappare a gambe levate o se continuare a esplorare il tuo sito.

Ma non a tutti ancora sono chiare le potenzialità della landing page e, soprattutto, in che modo svilupparle, costruendo una pagina di approdo efficace e coinvolgente. Ecco quello che conta veramente quando costruisci una landing page.

 

Tieni in mente il tuo lettore e formula la tua value proposition

A chi ti stai rivolgendo? Qual è la proposta di valore più convincente che puoi fare al tuo utente? Quali benefits (benefici) puoi offrirgli? Quale il problema che sei in grado di risolvergli? Ecco, sono queste le domande a cui devi rispondere con precisione per progettare una landing page efficace.

Sii semplice e chiaro

Evita inutili ghirigori che possono infastidire e confondere chi ti legge. La tua bravura consisterà nel condurre il lettore a fare quello che desideri con semplicità e originalità.

Formula una headline immediata e d’impatto

Mediamente l’headline viene letta 5 volte di più rispetto al resto della pagina, per cui sii chiaro e centra il punto. E’ qui che devi illustrare il benefit maggiore che sei in grado di offrire.

Crea coinvolgimento e usa la tecnica dello storytelling

Riuscirai nel tuo intento se sarai capace di coinvolgere il tuo lettore in un racconto emozionante, in una storia che lo faccia riflettere e che lo induca a immedesimarsi nei personaggi.

Utilizza immagini e video

Immagini e video creano sempre un elevato engagement. Attenzione, però! Devono essere d’impatto e ben pensate. Non puoi lasciare nulla al caso.

Sì all’impiego di testimonial

I testimonial creano un senso di fiducia, per questo è ancor più importante che utilizzi elementi reali.

Evita di disseminare link di navigazione

I link, infatti, sono fonte di distrazione e allontanano dall’obiettivo della tua landing page.

Attenzione alla call to action

La chiamata all’azione è il punto centrale della landing page, quella che esorta il tuo lettore a compiere ciò che desideri. Dovresti assolutamente evitare espressioni banali, come “clicca qui” o “iscriviti”. La call to action deve dire chiaramente cosa fare e perché farlo: “clicca per vederlo” o “iscriviti e pubblica” avranno più successo!
Se desideri approfondire ulteriormente l’argomento, ti suggerisco di leggere questi due articoli:

E ora tocca a te! Hai altri suggerimenti per costruire una landing page efficace? 

Condivisioni

Informazioni su Ludovica

Capello riccio un po’ selvaggio, nata con in mano una biro da battaglia più che con un’elegante stilo. Amo colorare con le parole vuoti spazi bianchi.

8 commenti

  1. Mi piace 🙂

    lavoro con adwords, condivido ogni tuo consiglio, sarebbe bello se tutti i webmaster lo capissero!(e pure i clienti)

    otterrei molti più risultati con il mio lavoro:D

    clienti – consulenti – utenti.. tutti soddisfatti e anche google è contento 🙂

    ciao

    1. Ciao Vincenzo! Grazie per il tuo contributo. 🙂
      Credo che quando si lavora con passione e interesse accontentare Google e soddisfare i clienti, per certi versi, diventa più facile.
      Torna a trovarmi. Buon lavoro.

  2. Dopo qualche annetto di esperienza dissento solo su una cosa: per determinati target può essere importante avere qualche link a disposizione. Spesso, infatti, il click sul banner è solo l’inizio del processo di acquisto. Il valore aggiunto

      1. Ciao Denis! Ti ringrazio per aver condiviso con me la tua esperienza. 🙂
        A mio parere è preferibile inserire tutte le informazioni necessarie nella landing page, cercando comunque di rispettare sempre il principio della semplicità.
        In quali casi pensi possa essere utile linkare risorse esterne?

  3. Ciao molto dettagliato il tuo post…
    Il discorso dell’assenza dei link potrebbe penalizzarti se utilizzi adwords per generare leads verso la tua landing. Penso che 2 link uno che rimandi a “chi sei” e l’altro magari ai contatti non facciano male.
    L’importante è metteterli in un punto e con una visibilità che distraggano il lettore dalla lettura.
    Buon lavoro.

      1. Ciao Giuseppe! Ti ringrazio.
        Apprezzo il tuo punto di vista. Mi fa riflettere, come già aveva fatto Denis.
        In futuro prenderò in considerazione l’idea. 😉

Rispondi

La tua mail non sarà pubblicataI campi richiesti sono contrassegnati *

*

code